Lavorare a Londra: Come trovare lavoro

Fabio Beccari
14.10.19
6 minuti di lettura

Diciamocelo, il mercato del lavoro italiano non è dei più vivaci: la concorrenza è tanta ed emergere può sembrare impossibile. Un’esperienza all’estero è un modo efficace per far fare un salto di qualità al proprio CV e moltiplicare le probabilità di trovare il lavoro dei sogni.

Tra le tante destinazioni, Londra rimane una meta iconica per gli expat italiani (in barba a Brexit!). La possibilità di migliorare l’inglese, un mercato del lavoro dinamico e la presenza di circa 700,000 connazionali nel Paese¹ – molti dei quali concentrati nella capitale – sono solo alcuni dei motivi del suo successo.

Se anche tu hai deciso o stai pensando di cogliere questa opportunità, ecco una serie di consigli utili su come iniziare, come muoversi una volta arrivati, e come risparmiare con TransferWise.
Ecco di cosa tratteremo:

  1. Come trovare lavoro a Londra
  2. Lavorare e studiare a Londra
  3. Lavorare a Londra in estate
  4. Si può trovare lavoro a Londra dall’Italia?
  5. Documenti per lavorare a Londra
  6. Lavorare a Londra dopo Brexit
  7. Siti web per trovare lavoro a Londra
  8. A Londra risparmia con TransferWise

Come trovare lavoro a Londra

Le offerte di lavoro a Londra abbondano, perciò non temere di accettarne una che non ti sembra ideale… Vivere nella capitale britannica costa, e un’entrata ti farà comodo. Avrai modo di cambiare lavoro velocemente e nessuno ti riterrà poco professionale per questo. Il modo più efficace per cercare lavoro? Dipende.

Trovare lavoro a Londra senza sapere l’inglese è possibile, ma dovrai iniziare da ruoli non qualificati. Avrai da subito una marcia in più nella ristorazione, perché qui parlare l’italiano e conoscere la nostra cultura culinaria è già una skill! In questo caso, opta per un curriculum vitae cartaceo portato a mano; dev’essere schematico e non più lungo di 1-2 pagine.

Se invece parti da una buona conoscenza della lingua inglese, potrai fin da subito mettere all’opera le tue competenze. Nel caso di lavori qualificati, le selezioni avvengono quasi esclusivamente su internet, perciò aggiorna il tuo profilo LinkedIn, e continua a leggere per sapere su quali altri siti puntare. Non sottovalutare i tirocini: vengono presi molto sul serio e la maggior parte sono pagati.

Lavorare e studiare a Londra

Stai pensando di seguire un corso di studi nella capitale e trovarti un lavoro per coprire le spese? Molti degli italiani a Londra hanno preso questa strada. Le università britanniche sono tra le migliori al mondo, e possono ben conciliarsi con un lavoro. I corsi possono essere a tempo pieno o parziale, e non sarà difficile trovare un lavoro part-time a Londra.

Tuttavia, è difficile che in poche ore a settimana tu possa guadagnare abbastanza da coprire tutti i costi e soprattutto la retta, che può arrivare a 9.000 £², perciò fai bene i conti prima di partire. Un consiglio? Informati sugli student loan dello Stato³; sono prestiti a condizioni molto vantaggiose, che ripagherai solo in proporzione ai tuoi futuri stipendi.

Lavorare a Londra in estate

Se invece hai in mente un’esperienza più breve, l’estate è un buon momento, perché la capitale si riempie di turisti aumentando i posti di lavoro. Se devi limitarti ai mesi estivi, la cosa migliore è seguire un corso di inglese intensivo e combinarlo con un lavoro part-time, magari nelle ore serali.

Mentre ti informi online, fai attenzione ai programmi di lavoro e studio a pagamento: molte agenzie di comprovata professionalità offrono corsi con alloggio incluso per un prezzo, ma non fidarti di chi si fa pagare con la promessa di trovarti un lavoro – nel Regno Unito è illegale.

Si può trovare lavoro a Londra dall’Italia?

È improbabile ma, se hai già un buon livello di inglese, puoi sicuramente iniziare a fare colloqui dall’Italia. In genere le selezioni prevedono un primo contatto telefonico e poi il colloquio vero e proprio; non è raro però che le aziende accettino di averne uno in videoconferenza, per poi incontrare il candidato solo se effettivamente interessate.

Certo, essere sul posto fin da subito ti permette di partecipare a un maggior numero di colloqui, che è il modo migliore per trovare l’offerta più vantaggiosa. Cerchi una via di mezzo? Prenota un B&B o un ostello e prova a cercare da Londra per un paio di settimane.

Prima di partire, non dimenticare di leggere le nostre guide sui modi più convenienti per cambiare il tuo denaro a Londra e per pagare in città senza spendere una fortuna in commissioni. Inoltre, ricorda che arrivare in una città nuova può essere complicato: qui c’è una lista di app che ti renderanno la vita a Londra più facile e divertente, senza rinunciare al risparmio.

Documenti per lavorare a Londra

Non farti prendere dal panico riguardo a Brexit! Burocraticamente, almeno per ora, vivere e lavorare a Londra per un italiano è molto semplice. Vediamo come fare.

  • Assicurati di avere una carta contactless per spostarti sui mezzi pubblici. Puoi acquistare una Oyster Card una volta in città, oppure ordinare già dall’Italia la carta di debito TransferWise. Dai un’occhiata qui per capire quale opzione fa per te.
  • Ora devi procurarti un numero inglese. Fa’ un giro sul sito di GiffGaff: le tariffe sono contenute e trasparenti, e farsi spedire una SIM è veloce e gratuito.
  • Trova una sistemazione, oppure segnati l’indirizzo di una persona fidata dove puoi farti arrivare della posta; ti servirà per i prossimi passaggi.
  • Chiama l’HMRC al numero gratuito 0800 141 2075 per richiedere un NIN (National Insurance Number)
  • Riceverai per posta la conferma di un appuntamento in un job centre di Londra, dove richiederai il NIN. Se sei un cittadino UE, basterà portare con te il passaporto o la carta d’identità.
  • Riceverai il NIN per posta nell’arco di 2-6 settimane e, a patto di averlo richiesto, non devi aspettare di riceverlo per iniziare a lavorare.
  • Infine, avrai bisogno di un conto in banca nel Regno Unito. Aprirne uno con le banche tradizionali può dare non pochi mal di testa, perché richiedono documenti che solo chi vive stabilmente nel Paese può presentare. Puoi aggirare questa difficoltà aprendo già dall’Italia un conto multivaluta gratuito TransferWise. Potrai convertire il tuo denaro al tasso di cambio reale e ricevere gli estremi bancari britannici da fornire al tuo futuro datore di lavoro.

Ora puoi buttarti sulla ricerca!

Lavorare a Londra dopo Brexit

Quella di Brexit è una questione tanto complessa dal punto di vista politico quanto, forse, lineare dal punto di vista pratico. Nonostante i cambi di programma e i ritardi di questi anni, il Regno Unito è ancora parte dell’UE, e prevedere cosa succederà è difficile anche per gli analisti più esperti.

Quel che è vero è che sono state predisposte misure di tutela per i nuovi residenti, anche in caso di no deal. Chi inizia a vivere nel Regno Unito prima del 20 dicembre 2020 (o prima di un’eventuale uscita senza accordo) può richiedere il pre-settled status, che gli permetterà di rimanere nel Paese per 5 anni continuativi. Dopodiché, la legge prevede che si possa fare domanda di settled status, cioè una sorta di permesso di soggiorno permanente⁴.

Siti web per trovare lavoro a Londra

La grande varietà di siti web per la ricerca lavoro nel Regno Unito può confondere, perciò qui abbiamo selezionato le piattaforme gratuite più utili:

È la piattaforma più usata in assoluto. Se hai abbastanza esperienza, può capitare che siano i recruiter a contattarti… Sì, sul serio! Attenzione però, non pagare mai un recruiter: chiederti un compenso per questo servizio è illegale.

Oltre a poter caricare il CV e navigare tra gli annunci, su CV Library puoi ricevere una notifica non appena vengono pubblicate offerte che corrispondono al tuo settore e alle tue skill.

È simile nelle funzioni, ma vanta anche una serie di risorse utili per prepararti alla ricerca, come consigli per affrontare un colloquio, e una sezione dedicata ai CV con indicazioni e template gratuiti.

È un aggregatore di motori di ricerca, perciò offre un ventaglio di offerte più ampio di molti altri siti, arrivando a ricevere 10 nuovi annunci al secondo⁵.

Glassdoor permette agli utenti di pubblicare recensioni sulle aziende in modo anonimo, con descrizioni di ruoli, salari e dettagli sui colloqui. Valgono le regole di tutte le recensioni: fidati dell’istinto, ma ricorda che ci sono tanti ex impiegati rancorosi in giro.

A Londra risparmia con TransferWise

Ora hai tutti gli strumenti che ti servono per prendere una decisione e iniziare la tua ricerca di lavoro a Londra. Se non vedi l’ora di saltare da una tube all’altra per andare ai colloqui, ricevere il tuo primo stipendio in sterline e festeggiare con una pinta al pub, fa’ le valigie e affidati a TransferWise per risparmiare!


Fonti:

  1. Repubblica.it
  2. Wikipedia
  3. Gov.uk
  4. Gov.uk
  5. Wikijob

Questa pubblicazione è unicamente fornita a scopo illustrativo e non intesa a ricoprire ogni aspetto dell'argomento trattato. Non è da considerarsi come fonte di consigli su cui fare affidamento. Chiedi consiglio a un professionista o specialista prima di effettuare, o meno, scelte sulla scorta del contenuto di questa pubblicazione. Le informazioni qui fornite non costituiscono consulenza legale, fiscale o suggerimento professionale alcuno da parte di TransferWise o affiliati. I risultati ottenuti in precedenza non garantiscono un esito simile. Non rilasciamo espressamente o implicitamente alcuna garanzia o dichiarazione circa la accuratezza, completezza o affidabilità del contenuto di questa pubblicazione.

TransferWise è il nuovo modo intelligente per inviare denaro all'estero.

Scopri di più

Suggerimenti, notizie e aggiornamenti per la tua posizione