Lavorare negli Stati Uniti: Ottenere un visto di lavoro in America

Il team dei contenuti TransferWise
16.05.17
7 minuti di lettura

In base alle statistiche ufficiali, ci sono circa 42.4 milioni di immigrati negli Stati Uniti d'America — attorno al 13% del totale della popolazione. La nomea di potenza globale ha portato l'America ad essere storicamente un posto ambito da quegli avventurieri che desiderano dare forma al proprio sogno di ricominciare con una nuova vita.

Quando si parla di lavoro, pochi posti al mondo possono fornire tante opportunità quanto gli Stati Uniti. Che il tuo ambito sia l'accademia o la tecnologia, la manifattura o l'industria dei servizi — o qualcos'altro di completamente diverso — troverai datori di lavoro di prima classe e aziende entusiasmanti. Per farne parte però, avrai probabilmente bisogno di uno specifico permesso di lavoro che ti consenta di vivere e lavorare negli Stati Uniti.

Dai un'occhiata a questa guida per ottenere il tuo visto di lavoro americano.

Ho bisogno di un visto di lavoro americano?

La maggior parte degli stranieri avrà bisogno di un visto o di un permesso per poter lavorare legalmente negli Stati Uniti. C'è un'ampia gamma di distinti visti, sebbene il Dipartimento di Stato ti fornisca una pagina specifica’ per aiutarti a trovare la giusta direzione. Immetti i tuoi dati personali ed il tipo di lavoro che farai, e ti sarà mostrato il visto più adatto alle tue necessità.

Se stai viaggiando verso gli Stati Uniti per specifici motivi aziendali potresti non aver bisogno di un visto, nel caso provenissi da una nazione esentata. Per esempio, se ti stai recando in America per formazione o per negoziare un contratto, potresti avere bisogno semplicemente di un'autorizzazione di viaggio dell'ESTA. Tuttavia, le circostanze in cui questo si applica sono abbastanza ristrette, è meglio dunque supporre che sarà necessario richiedere un visto prima di metterti in viaggio.

Qual è la procedura per avere un visto di lavoro americano?

Le domande per i visti verso l'America sono gestiti dal Dipartimento di Stato, e troverai molte informazioni sulle diverse tipologie di visti disponibili sul sito dello stesso.

Per chi si sposta negli Stati Uniti per lavorare su base permanente, il visto di categoria E (employment-based) è il più comune. Con questo visto, puoi fare domanda per una ‘Green Card’, nota anche come tessera legale di residenza permanente (LPR).

Questi visti prevedono un tetto annuale, e quindi anche se avessi i requisiti necessari, potrai ottenere un visto solo se questo non è stato raggiunto nel periodo considerato. I visti di tipo E sono suddivisi in ulteriori sotto-categorie a seconda delle circostanze e del lavoro svolto. Ogni categoria presenta un certo livello di priorità, e il numero di visti disponibile prima del tetto dipende da questo livello prioritario.

Prima di poter considerare un visto di questo tipo, dovrai però avere un lavoro a portata di mano. Il tuo datore di lavoro di solito avrà bisogno di un certificato d'approvazione del Dipartimento del Lavoro, e potrebbe poi dover fare una seconda domanda ai Servizi per la Cittadinanza e l'Immigrazione.

Non appena il tuo datore di lavoro avrà terminato il proprio lato della domanda, questa passerà al Centro Nazionale per i Visti (NVC). L'NVC ti comunicherà quali moduli dovrai riempire e la documentazione necessaria per poter fare domanda. Parte della domanda consiste in un colloquio con un funzionario presso il consolato della tua ambasciata locale, nonché nel sostenere alcuni test medici condotti da un medico autorizzato.

Assicurati di avere abbastanza tempo perché la tua domanda venga processata. Il Dipartimento di Stato non fornisce alcuna indicazione sul tempo necessario, e a causa del tetto, il procedimento relativo ad un visto di tipo E può necessitare più tempo di altri. Puoi trovare una stima del tempo di attesa per fissare un colloquio al tuo consolato locale sul sito del Dipartimento di Stato.

Una volta effettuato quel colloquio, la tua domanda sarà approvata o rigettata. Nel caso fosse approvata, il tuo passaporto riceverà l'agognato timbro del visto, ed un pacchetto sigillato contenente la documentazione fornita nella domanda. Non devi aprirlo. Dovrai infatti presentarlo al confine, insieme al tuo valido visto.

Dovrai inoltre pagare una commissione sull'espatrio prima di poter stringere fra le mani il tuo permesso di residenza. Questa viene saldata online, una volta approvata la tua domanda, ma prima di viaggiare verso gli Stati Uniti. Al momento, è pari a circa 1140 USD per la tua prima domanda. Supponendo tu l'abbia pagata, potrai attraversare il confine con il visto sul tuo passaporto, e la tua carta di residenza (Green card) viene inviata all'indirizzo che hai registrato in America.

Poiché la domanda di visto ha molti diversi passaggi non sempre immediati, non è raro affidarsi ad un agente che agisca per tuo conto. Ciò è assolutamente accettabile per le autorità, ma dovrai confermare questa sia la tua scelta. L'elaborazione della tua domanda per avere un agente può impiegare alcune settimane ulteriori, aggiungendosi al tempo necessario per mettere insieme la documentazione che ti viene richiesta.

Di quali documenti ho bisogno?

Devi inviare i documenti al Centro dei Visti prima di presentarti al tuo colloquio, inclusi quelli qui elencati. Se gli originali non fossero in inglese, avrai bisogno di una traduzione certificata.

  • Passaporto valido per almeno sei mesi
  • Aver completato il modulo per domanda di visto da migrante e registrazione per stranieri
  • Due fotografie di dimensione da passaporto
  • Traduzioni di documenti a supporto (come spiegato sotto)
  • Prova di autonomia finanziaria ed autosufficienza economica
  • Moduli degli Esami Medici opportunamente completati

La precisa documentazione varia a seconda dal paese dal quale presenti la tua domanda. Il sito del Dipartimento di Stato ha un'utile pagina dove puoi inserire i tuoi dati personali al fine di poter avere un elenco dei documenti richiesti a seconda del tipo di visto richiesto. È bene darci un'occhiata e chiedere al tuo consolato maggiori informazioni se non ti sentissi sicuro di alcuni requisiti richiesti per la tua domanda.

In alcuni casi dovrai presentare documenti originali che ti vengono poi restituiti al momento del tuo appuntamento. Altrimenti, potrai portare alcuni di questi documenti con te al colloquio. Dovrai inoltre fornire le tue impronte digitali una volta terminato il colloquio.

Visti di lavoro americani per part time, lavoratori stagionali ed a tempo determinato

I visti di lavoro temporanei statunitensi sono divisi a seconda del ruolo per cui stai spostandoti. Ad esempio, vi sono visti specifici per chi lavora in professioni da specialista che richiedono istruzione superiore, o per chi desidera lavorare nell'agricoltura per una stagione. Il procedimento per ottenere un visto temporaneo è praticamente lo stesso già descritto. Il tuo datore di lavoro deve iniziare a fare domanda, prima che la palla passi a te. A quel punto dovrai rintracciare la documentazione richiesta, fornirla, e presentarti per un colloquio al tuo consolato, od ambasciata, locale. Le commissioni per la domanda di questo tipo di visto sono attorno ai 190$, anche se ci potrebbe essere una commissione ulteriore aggiunta all'emissione del tuo visto.

Un'altra possibilità se ti stai recando in America per un lavoro a tempo determinato come animatore in un campeggio, o per un lavoretto estivo, è ottenere un cosiddetto ‘visto da Exchange Visitor’. Questo tipo di visto può essere selezionato solo se il lavoro che desideri fare viene fornito da un'organizzazione autorizzata. In quel caso, il tuo datore di lavoro ti fornirà tutti i dati necessari per fare domanda.

Qualunque visto tu scelga, è probabile ti venga richiesto di provare le ragioni che ti forzano a tornare a casa, per veder approvare il tuo visto temporaneo. Dovrai dimostrare che intendi davvero lasciare l'America alla scadenza del tuo visto, mostrando l'attaccamento alla tua famiglia, casa o datore di lavoro.

Come ottengo un visto di lavoro americano se sono un imprenditore?

Il Dipartimento per la Cittadinanza e l'Immigrazione consiglia agli imprenditori che desiderino un visto di seguire la strada dell'immigrazione o di chiedere un visto temporaneo non-migrativo per recarsi negli Stati Uniti. Seguiresti pertanto una strada simile a quella delineata poco sopra, ma il datore di lavoro sarà te stesso in quanto imprenditore o gestore di un business.

Poiché questo percorso ha molte distinte ed insidiose opzioni, è meglio consultare un avvocato specializzato in immigrazione per chiarire la tua situazione personale ed il lavoro che intendi fare. Lo stesso potrà così assisterti e illustrarti le tue possibilità.

Cosa succede al mio partner ed alla mia famiglia con il mio visto di lavoro americano?

Una volta garantitoti un visto di tipo A, dovresti essere in grado di portare il tuo coniuge e figli al di sotto dei 21 anni d'età negli Stati Uniti. Potete fare domanda tutti insieme al contempo, e seguire la medesima procedura per avere il visto. Molto probabilmente la tipologia da applicarsi sarà il visto F2, ma è certamente una buona idea controllare con il proprio datore di lavoro od agente se vi fossero opzioni più adatte. Il visto di tipo F2 è soggetto ad un tetto annuale, più o meno come il visto lavorativo.

Ricorda comunque che il richiedente principale dovrà recarsi in America prima od insieme ai membri della propria famiglia.

Ho il mio visto di lavoro americano — e ora?

Un ottimo modo per incomincare è la guida USA per immigrati, disponibile online gratuitamente ed in 14 lingue differenti. Questa guida si occupa di aspetti pratici della vita americana, così come di informazioni relative alla cittadinanza.

Hai bisogno di un numero di previdenza sociale per lavorare legalmente negli Stati Uniti. Puoi decidere se fartelo inviare tramite posta ordinaria non appena arrivi in America — ed in tal caso ti arriverà entro 6 settimane — o contattare direttamente la Previdenza Sociale per trovare soluzioni alternative una volta sistemato.

Come posso portare il mio denaro in America dal mio conto bancario all'estero?

Per ottenere il massimo dal tuo denaro, dovrai aprire un conto bancario in America, e puoi farlo prima di arrivare.

Quando invii denaro verso o dall'America, puoi considerare l'uso di un servizio di conversione valuta come TransferWise per evitare tassi di cambio ingiusti. C'è una piccola commissione trasparente, e quando il denaro viene convertito da una valuta all'altra, otterrai il tasso di cambio reale - lo stesso che puoi visualizzare su Google. Non solo questo, ma TransferWise riceve ed invia denaro con bonifici locali anziché internazionali, facendoti risparmiare ulteriore denaro — eviti infatti le pesanti commissioni sui trasferimenti internazionali.

Se il tuo viaggio è breve, o se aprire un conto bancario negli Stati Uniti non fosse possibile, puoi pur sempre ritirare denaro dal tuo conto estero usando un bancomat. Tieni presente che è più conveniente per te chiedere di essere addebitato nella valuta locale, anziché nella tua.

A prescindere da quando inizierai il tuo nuovo lavoro all'estero, dovrebbe essere abbastanza semplice ottenere un visto — basta seguire i giusti passaggi. La parte più importante è sempre fare in modo di goderti la tua nuova avventura.

TransferWise è il nuovo modo intelligente per inviare denaro all'estero.

Scopri di più