Codice fattura elettronica: Cos'è e Come ottenerlo

Fabio Beccari
02.06.20
4 minuti di lettura

Dal 1 gennaio 2019 è in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica. Uno dei dubbi più frequenti al riguardo è: “come ottenere il codice fattura elettronica?”. Per la ricezione e l’invio delle fatture tramite canale telematico occorre un codice identificativo (“codice destinatario”) di cui tra poco parleremo. Ma la fatturazione elettronica è solo uno dei problemi che gli imprenditori si trovano ad affrontare. I trasferimenti internazionali di denaro possono comportare lunghe attese e costi elevati — specialmente se effettuati tramite banca. Un’ottima soluzione è utilizzare TransferWise per Business.

In questo articolo, tratteremo i seguenti argomenti:

Cos’è il codice destinatario di una fattura elettronica?

Il “codice destinatario” è un codice alfanumerico di 7 cifre. Identifica il canale FTP o Web Service tramite cui un’azienda è in grado di trasmettere e ricevere le fatture elettroniche. Quando si emette una fattura, va riportato nell’apposito campo Codice destinatario affinché il Sistema di Interscambio (SDI) possa recapitare il documento all’interessato in via telematica.

Non tutti i professionisti o aziende dispongono di un codice destinatario. Infatti:

  • Le imprese e lavoratori autonomi che rientrano nel regime di vantaggio o nel regime forfettario non sono soggetti all’obbligo di fatturazione elettronica e possono scegliere di ricevere le fatture elettroniche tramite PEC (posta elettronica certificata).

  • I consumatori non dispongono di un codice destinatario o di una PEC. Per questo devono ricevere le fatture in formato cartaceo dal fornitore, pur potendo consultare e scaricare i documenti in originale dal loro cassetto fiscale sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

  • La Pubblica Amministrazione adotta un particolare codice SDI fattura elettronica definito “codice univoco ufficio” o IPA, e composto da 6 caratteri.

Il Sistema di Interscambio non effettua una “verifica codice destinatario” prima di inviare le fatture. Perciò è importante comunicare senza errori il proprio codice univoco al fornitore.

A tale scopo le imprese possono generare dal sito dell’Agenzia delle Entrate un QRCode con i propri dati (partita IVA, dati anagrafici e indirizzo telematico aziendale), da salvare sullo smartphone aziendale e utilizzare per la richiesta delle fatture.

Come inserire in fattura il codice destinatario

A seconda delle informazioni offerte dal destinatario della fattura, si dovrà procedere all’inserimento del codice destinatario con modalità diverse.

Informazioni offerte dal destinatario:Modalità di inserimento:
QRCodeAcquisizione dei dati nel software di fatturazione mediante lettura del QRCode
Codice di 7 cifreInserimento nel campo “Codice destinatario”
Indirizzo PEC (fattura elettronica senza codice univoco)Compilazione del campo “Codice destinatario” con il valore “0000000” e inserimento dell’indirizzo PEC comunicato dal cliente nel campo “PEC destinatario”
Il cliente non dispone di un indirizzo telematico (B2C)Compilazione del campo “Codice Destinatario” con il valore “0000000” e consegna di una copia della fattura al cliente
Cliente esteroInserimento dell valore “XXXXXXX” nel campo “Codice Destinatario” e invio al destinatario della fattura cartacea o in formato PDF

Come ottenere il codice univoco per la fatturazione elettronica

Il codice univoco per inviare e ricevere le fatture elettroniche può essere richiesto all’Agenzia delle Entrate dalle aziende dotate di un canale telematico (FTP o Web Service) accreditato presso il Sistema di Interscambio.

Normalmente la richiesta non viene effettuata direttamente, ma tramite l’intermediario che fornisce il servizio di fatturazione elettronica aziendale. Le fatture elettroniche saranno quindi ricevute direttamente attraverso il software di fatturazione.

Nel caso si desideri ricevere le fatture elettroniche a mezzo PEC sarà possibile sottoscrivere online l’abbonamento a un servizio di posta elettronica certificata.

In ogni caso, dopo aver attivato il servizio prescelto è consigliabile comunicare all’Agenzia delle Entrate l’indirizzo telematico dove si desiderano ricevere le fatture.

Vediamo come procedere per effettuare questa comunicazione.

Come comunicare il codice destinatario all’Agenzia delle Entrate

Per rendere noto all’Agenzia delle Entrate l’indirizzo telematico da utilizzare per l’invio delle fatture elettroniche, dovrai registrare il tuo codice destinatario come segue:

  • Vai sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate.
  • Accedi all’area riservata “Fatture e Corrispettivi”.
  • Clicca su “Registrazione della modalità di ricezione delle fatture elettroniche”.
  • A questo punto, abbina al tuo numero di partita IVA un indirizzo telematico (PEC o Codice destinatario di 7 cifre identificativo di un canale FTP o web service) dove ricevere sempre tutte le tue fatture elettroniche.

Una volta effettuata questa comunicazione, il SDI consegnerà le fatture all’indirizzo abbinato alla tua partita IVA — indipendentemente dall’indirizzo telematico inserito in fattura dal fornitore.

Fatturi all’estero? Risparmia con TransferWise

Se fatturi all’estero, puoi risparmiare utilizzando TransferWise per Business.

Si tratta di un conto aziendale multivaluta gratuito che consente di inviare, spendere e ricevere denaro in diverse valute al tasso di cambio reale. La conversione avviene al tasso di cambio migliore — senza le commissioni nascoste spesso applicate dalle banche.

conto-multivaluta-business

Apri un conto aziendale con TransferWise e potrai:

  • Saldare fatture e collaboratori all’estero velocemente e senza perdere soldi nel cambio valuta.
  • Ricevere denaro in USD, GBP e altre valute senza commissioni con un conto locale.
  • Effettuare le spese aziendali in qualsiasi paese del mondo senza commissioni nascoste, con una carta di debito Mastercard TransferWise per business.

In più, l’API di TransferWise ti permette di automatizzare i pagamenti e collegare il tuo conto a Xero, a Stripe, a Salesforce e a molti altri software aziendali.

Scegli un conto multivaluta integrato e senza spese nascoste come TransferWise per Business. Registrati e inizia subito a risparmiare!


Dati aggiornati al 30 maggio 2020

Fonti:


Questa pubblicazione è unicamente fornita a scopo illustrativo e non intesa a ricoprire ogni aspetto dell'argomento trattato. Non è da considerarsi come fonte di consigli su cui fare affidamento. Chiedi consiglio a un professionista o specialista prima di effettuare, o meno, scelte sulla scorta del contenuto di questa pubblicazione. Le informazioni qui fornite non costituiscono consulenza legale, fiscale o suggerimento professionale alcuno da parte di TransferWise o affiliati. I risultati ottenuti in precedenza non garantiscono un esito simile. Non rilasciamo espressamente o implicitamente alcuna garanzia o dichiarazione circa la accuratezza, completezza o affidabilità del contenuto di questa pubblicazione.

TransferWise è il nuovo modo intelligente per inviare denaro all'estero.

Scopri di più
Business

Pagamenti automatici PayPal: la Guida

Scopri tutto ciò che bisogna sapere sui pagamenti automatici con PayPal: commissioni, tasso di cambio e come risparmiare con TransferWise.

TransferWise
26.08.20 6 minuti di lettura

Suggerimenti, notizie e aggiornamenti per la tua posizione