Comprare auto in Romania: ecco come farlo risparmiando

Fabio Beccari
30.09.19
5 minuti di lettura

Di questi tempi una pratica diffusa è quella di comprare l’auto in paesi esteri dove si risparmia, come la Romania. Ovviamente non c’è una regola fissa, ma comprare auto in Romania in determinati periodi dell’anno e in situazioni di stasi delle vendite consente di risparmiare fino al 25%. Tra l’altro non ci sono problemi di dogana, poiché la Romania è un paese dell’UE. È quindi possibile acquistare un’auto nuova — con targa rumena o facendo la prima immatricolazione in Italia —, oppure optare per auto usate targate Romania.

In questo articolo tratteremo i seguenti argomenti:

Comprare auto in Romania conviene?

Il prezzo di vendita auto in Romania è generalmente più basso che in Italia. Ma per essere certi di risparmiare, meglio verificare alcuni aspetti.

  1. Prima di pagare il prezzo dell’auto, occorre controllare qual è il tasso di cambio. La moneta ufficiale nel paese è il leu romeno (RON) e la conversione del denaro a un tasso svantaggioso vanificherebbe gli sforzi fatti per risparmiare. Fortunatamente è possibile ovviare a questo inconveniente utilizzando TransferWise, come vedremo più avanti.

  2. Affinché sussista un risparmio effettivo, il modello di automobile prescelto dovrebbe corrispondere come allestimento e dotazioni a quello in vendita sul mercato italiano; talvolta il prezzo più basso è dovuto all’assenza di optional che in Italia vengono forniti di serie. Tra l’altro occorre verificare che il veicolo sia conforme a quanto previsto dal nostro Codice della strada e alle disposizioni della Motorizzazione civile Italiana in merito a dotazioni di sicurezza attiva e passiva; altrimenti non sarà omologabile nel nostro paese.

  3. Per risparmiare, meglio seguire l’iter in prima persona. È evidente che la cosa più semplice sarebbe delegare a un concessionario italiano la ricerca dell’autovettura e il disbrigo di tutte le pratiche legate a trasporto e immatricolazione con targa italiana. Ma il tutto comporterebbe costi non indifferenti, che probabilmente annullerebbero la convenienza dell’operazione.

Immatricolare in Italia un’auto rumena

Per provvedere personalmente al ritiro del mezzo, occorre affrontare il viaggio in Romania in auto dopo aver effettuato l’acquisto. Le opzioni sono:

  • Immatricolare auto in Romania.

In questo caso si viaggia con una targa di prova associata a un’assicurazione RCA temporanea (assicurazione auto Romania), procedendo all’immatricolazione dopo il rientro in Italia.

  • Immatricolare auto in Italia prima di partire.

In questo caso si portano con sé l’assicurazione e le targhe italiane da applicare al veicolo prima di tornare indietro.

Procedura per immatricolazione e iscrizione al PRA

Esiste una procedura da seguire per l’immatricolazione e l’iscrizione al PRA di un veicolo di provenienza UE nel caso di acquisto dal c.d. “mercato parallelo” (concessionari non rientranti nella rete ufficiale di vendita delle case produttrici).

Occorre rivolgersi allo Sportello Telematico dell’Automobilista (STA) presente nelle sedi dell’ACI, del PRA o della Motorizzazione Civile.

Prima di tutto sarà necessario un controllo tecnico-fiscale da parte della Motorizzazione, che avviene:

  • Per via amministrativa, se il veicolo risulta identificabile d’ufficio con i dati di fabbrica, tipo, variante e versione.
  • Mediante collaudo presso la Motorizzazione, qualora il veicolo non risulti identificabile d’ufficio o abbia subito variazioni o modifiche.

Dopodiché si potrà procedere con l’immatricolazione e dotare l’auto di targa italiana.

Ecco la documentazione da presentare allo STA:

  1. Documento d’identità valido (se l’acquirente è una persona giuridica serve anche una dichiarazione sostitutiva del legale rappresentante attestante la sede legale; se l’acquirente è un cittadino extracomunitario serve anche una copia del permesso di soggiorno).
  2. Atto di vendita in bollo con firma del venditore autenticata da un Notaio.
  3. Certificato di conformità europeo con omologazione italiana o dichiarazione di immatricolazione della casa costruttrice.
  4. Se il richiedente è già proprietario all’estero, serve anche la carta di circolazione rumena accompagnata da una fotocopia.

Per i documenti redatti in lingua rumena va allegata una traduzione conforme, che può essere effettuata direttamente dallo Sportello Telematico dell’Automobilista (con un costo extra).

Costi da sostenere

  • Imposta Provinciale di Trascrizione: variabile in base al modello dell’auto e alla provincia di residenza
  • Emolumenti ACI: 27 €
  • Bollo iscrizione al PRA: 32 €
  • Imposta di bollo Dipartimento Trasporti Terrestri (DTT): 32 €
  • Diritti DTT: 9 €
  • Costo rilascio targhe: variabile in base al tipo di targa e tipo di auto
  • Tariffe di intermediazione, se ci si rivolge allo STA di un’ACI o di un’agenzia di pratiche auto

Come acquistare un’auto nuova in Romania

Come già detto, la soluzione più semplice è ricorrere a una struttura specializzata. Ma visto che l’obiettivo è risparmiare, vediamo come procedere all’acquisto personalmente. Tipicamente questo è l’iter per acquistare un’auto nuova in Romania (solo per vetture fiscalmente nuove):

  • Ricerca dell’auto e acquisto, mediante pagamento dell’imponibile indicato in fattura
  • Pagamento dell'IVA in Italia
  • Immatricolazione in Italia
  • Stipula della polizza assicurativa in Italia
  • Viaggio in Romania con assicurazione e targhe da apporre sull'auto
  • Ritiro dell’auto e rientro in Italia

Quando un veicolo è fiscalmente nuovo

Un veicolo si considera fiscalmente nuovo se:

  • Non immatricolato
  • Immatricolato negli ultimi 6 mesi, con meno di 6000 km

In questi casi l’IVA va pagata in Italia; quindi:

  • riceveremo dal venditore la fattura dell’imponibile
  • che dovremo integrare versando il 22% all’Agenzia delle Entrate
  • e dovremo presentare la ricevuta di pagamento F24 insieme agli altri documenti già citati allo Sportello Telematico dell’Automobilista.

Viceversa se l’auto è fiscalmente usata (immatricolata da oltre 6 mesi e/o con oltre 6000 km), l’IVA andrà inclusa in fattura come avviene per i residenti in Romania.

Normativa vigente

Molti italiani e stranieri residenti in Italia scelgono di immatricolare le auto in Romania per motivi fiscali, per il risparmio sull’assicurazione e per evitare il pagamento di multe e superbolli sulle auto circolanti in Italia. Questo è illegale. Oltretutto se l’assicurazione dovesse risultare irregolare sorgerebbero gravi problemi in caso di incidente.

Il nuovo Decreto Sicurezza rende tali pratiche più difficili. E chi sceglie di comprare un’auto all’estero dovrebbe tenere presente la normativa vigente.

  1. Un veicolo con targa rumena può circolare nel nostro paese massimo per un anno. Entro tale termine deve risultare immatricolato in Italia.
  2. La legge vieta la conduzione di veicoli con targhe estere ai cittadini italiani e a chi è residente in Italia da più di due mesi (salvo il caso di leasing auto Romania e noleggio auto Romania).
  3. I veicoli che circolano per il collaudo o per l’esportazione del mezzo devono essere muniti di foglio di via e targa provvisoria.

Come pagare l’auto

Se scegli di comprare un’auto in Romania, la conversione da EUR a RON (leo romeno) ti farà perdere denaro per via del tasso di cambio svantaggioso. Evitare questo problema è semplice con TransferWise:

Puoi seguire la stessa procedura se scegli di comprare un’auto in Svizzera o se acquisti un’auto in Germania attraverso:

  • un altro paese della comunità europea con valuta diversa dall’euro
  • o un paese extraeuropeo come Dubai.

Come trovare auto usate e nuove

Il rischio se procedi da solo è incappare in una truffa online. Ad esempio il veicolo descritto in un annuncio potrebbe essere inesistente o non conforme a quanto descritto. Perciò accertati che tutto sia regolare. Per cominciare, puoi estrarre una visura online dal RAR.

Alcuni siti di annunci per acquisto auto usate Romania:

Conclusione

Comprare l’auto in Romania è un modo per risparmiare, ma dovresti prestare attenzione alla legittimità e convenienza dell’affare che ti viene proposto. Se tutto è in regola, evita di sprecare denaro con il cambio valuta e paga direttamente con TransferWise.


Fonti:

  1. Motorizzazione Civile, Nazionalizzazioni
  2. ACI, “Importare un veicolo”

Questa pubblicazione è unicamente fornita a scopo illustrativo e non intesa a ricoprire ogni aspetto dell'argomento trattato. Non è da considerarsi come fonte di consigli su cui fare affidamento. Chiedi consiglio a un professionista o specialista prima di effettuare, o meno, scelte sulla scorta del contenuto di questa pubblicazione. Le informazioni qui fornite non costituiscono consulenza legale, fiscale o suggerimento professionale alcuno da parte di TransferWise o affiliati. I risultati ottenuti in precedenza non garantiscono un esito simile. Non rilasciamo espressamente o implicitamente alcuna garanzia o dichiarazione circa la accuratezza, completezza o affidabilità del contenuto di questa pubblicazione.

TransferWise è il nuovo modo intelligente per inviare denaro all'estero.

Scopri di più

Suggerimenti, notizie e aggiornamenti per la tua posizione