Comprare un'auto all'estero: acquisto e l'immatricolazione

Fabio Beccari
25.07.19
5 minuti di lettura

Come comprare un'auto all'estero? I motivi per porsi questa domanda sono vari. Un numero sempre maggiore di cittadini italiani decide di lasciare il proprio paese d'origine per trovare occupazione in un altro stato. Ecco quindi che potrebbe sorgere la necessità di comprare un'auto all’estero per muoversi in modo indipendente.

In altri casi l'acquisto di veicoli in altri paesi dell'Unione Europea (o extra UE) potrebbe risultare conveniente a livello di costi. Non è un mistero, infatti, che in alcune nazioni la vendita auto usate o nuove preveda dei prezzi decisamente più accessibili rispetto a quelli applicati nel nostro paese. Ciò è dovuto alla minore pressione fiscale esercitata. Le tasse più favorevoli imposte dai paesi in questione, oltre a favorire la compravendita dei veicoli, permettono anche ai guidatori di cambiare più volte auto nel corso della loro vita. É il caso ad esempio della Germania, dove comprare auto usate risulta sensibilmente più conveniente dati i bassi prezzi di vendita.

Date le premesse potrebbe sembrare tutto rose e fiori. Eppure comprare un'auto all'estero comporta dei costi aggiuntivi di cui tenere conto, oltre a prevedere una documentazione specifica da presentare alla motorizzazione civile. La presente guida potrà esserti d’aiuto nel caso di importazione auto estera e per calcolare i costi di immatricolazione .

I costi da tenere in considerazione per immatricolare l'auto

Prima di comprare un’auto all'estero ci sono dei fattori da tenere in considerazione. I primi tra questi sono i costi che si aggiungono necessariamente al prezzo finale del veicolo. Parliamo proprio dell'immatricolazione auto che richiede un serie di documenti da presentare alla motorizzazione civile e al PRA. Di seguito trovi la documentazione necessaria e i costi attigui per immatricolare un veicolo nello spazio UE.

Tipo di documentoCosto
Imposta provinciale di trascrizionevaria a seconda del tipo di veicolo della provincia di residenza
Emolumenti ACI27,00 €
Imposta di bollo per iscrizione al PRA32,00 €
Imposta di bollo DTT32,00 €
Diritti DTT9,00 €
Rilascio targhevaria a seconda del tipo di veicolo

Puoi rivolgerti direttamente al concessionario nel caso di acquisto presso una casa rivenditrice. Nel caso in cui volessi occupartene personalmente, invece, è necessario verificare l’idoneità di tutti i documenti tecnici richiesti e la regolarità degli adempimenti fiscali. L’IVA infatti gioca un altro ruolo chiave per il veicolo importato, soprattutto se acquistato in un paese extra UE come può essere Dubai.

Come calcolare l’IVA su un’auto comprata all’estero

A seconda che il veicolo acquistato sia nuovo o usato, potresti dover pagare una percentuale all'agenzia delle entrate. Qui è molto importante chiarire cosa si intende per legge per auto nuova o usata.

  • l’auto nuova non è mai stata immatricolata, non ha percorso più di 6.000 chilometri o è stata ceduta entro 6 mesi dall’immatricolazione all’estero

  • un veicolo usato invece viene considerato tale nel caso opposto: ha percorso più di 6.000 chilometri, è già stato immatricolato in uno dei paesi UE o è stato ceduto 6 mesi dopo l’immatricolazione

Quando decidi di comprare un’auto all’estero è importante tenere a mente questa distinzione per l’eventuale calcolo dell’IVA da pagare. Viene applicata l’imposta da versare nel paese di residenza (l’Italia in questo caso) solo sui veicoli nuovi. Mentre sui veicoli usati l’imposta si applica solo se l’acquisto avviene tramite un’impresa titolare di partita IVA. In questo caso il dovuto si paga al paese dove l’auto è stata acquistata. Se invece acquistassi un’auto usata da privato, non pagheresti l’imposta.

Usare TransferWise per comprare un’auto all’estero

Mentre per l'immatricolazione auto è possibile pagare in contanti presso lo Sportello Telematico dell'Automobilista (STA) o con Pagobancomat, per il pagamento dei veicoli le modalità possono variare. In genere i metodi di pagamento più accettati sono i trasferimenti bancari o i bonifici, ma in gran parte dipendono dal venditore.

Nel caso invece di pagamenti ed invio denaro in valuta diversa dall’euro, è consigliabile un servizio come TransferWise. Le banche o i tradizionali uffici di cambio valuta potrebbero applicare dei costi aggiuntivi o delle commissioni nascoste dietro il tasso di cambio spacciato per reale. Per ottenere il tasso di cambio reale del giorno corrente è sufficiente fare una veloce ricerca su Google e metterlo a confronto. TransferWise utilizza solo il tasso di cambio reale senza costi nascosti, le commissioni applicate vengono mostrate in anticipo.

Il conto multivaluta permette di inviare o ricevere denaro in 30 valute diverse. Puoi aprire il conto in modo gratuito e richiedere anche una carta di debito Mastercard.

Trasporto e bollo

Nel caso in cui vivessi all'estero e non avessi bisogno di importare l'auto in Italia, i costi di trasporto sarebbero ammortizzati. Nel caso contrario, invece, potresti incorrere in costi per l'importazione o traino del veicolo in territorio italiano. Sfortunatamente non c'è un modo per aggirare tali spese, ma ci sono diverse possibilità che puoi vagliare per portare la tua macchina nel Belpaese.

Quando parliamo di comprare un’auto all’estero nuova da concessionario, è molto probabile che sia il venditore stesso ad occuparsi dell'importazione auto estera in Italia. Ovviamente questo prevede un sovrapprezzo che si aggiunge automaticamente al prezzo finale. In alternativa potresti occuparti personalmente del trasporto del tuo veicolo. É possibile rivolgersi a delle agenzie di trasporto per far viaggiare la macchina fino in Italia o per farla trainare. Naturalmente anche in questo caso di saranno dei costi da calcolare che crescono a seconda della distanza tra il paese di acquisto e quello di arrivo.

Un altro modo per portare l'auto acquistata dall'estero in Italia è farlo personalmente. Chiaramente un'auto non immatricolata non può circolare. Qui le alternative sono due:

  • immatricolare ed assicurare il veicolo prima di partire dall'Italia, così da poter prender possesso dell'auto con targhe italiane e polizza già attiva

  • oppure acquisire targhe straniere e assicurazione provvisoria (da 5, 10, 15 o più giorni) o una carta di circolazione estera fino all'arrivo in Italia dove si procederebbe all'immatricolazione standard

Una volta importato il veicolo in Italia, sarà necessario procedere anche con il pagamento del bollo che ha cadenza annuale e il cui costo dipende dalla cilindrata dell’auto.

Immatricolazione UE

I procedimenti di immatricolazione auto estera in Italia possono variare a seconda del paese di provenienza del veicolo. Per l’immatricolazione UE puoi rivolgerti allo STA e da qui immatricolare l’automobile con iscrizione al PRA. Nel caso non fosse possibile rivolgersi allo sportello automatico, potresti procedere con l’immatricolazione presso l’ufficio provinciale della motorizzazione ed entro 60 giorni dalla data di rilascio della carta di circolazione, fare l’iscrizione al PRA.

Immatricolazione extra UE

L’immatricolazione extra UE prevede delle procedure differenti. In questo caso, infatti, non puoi rivolgerti direttamente allo STA. É necessario prima immatricolare il veicolo presso la motorizzazione ed entro 60 giorni dal rilascio della carta di circolazione procedere con l’iscrizione del veicolo al PRA.

Dunque comprare un’auto all’estero non è così complicato come possa sembrare. Basta tenere conto di alcune informazioni importanti per immatricolare il tuo veicolo nel modo giusto e per pagare il prezzo dell’auto senza commissioni aggiuntive sull’eventuale cambio valuta.


Fonti:


Questa pubblicazione è unicamente fornita a scopo illustrativo e non intesa a ricoprire ogni aspetto dell'argomento trattato. Non è da considerarsi come fonte di consigli su cui fare affidamento. Chiedi consiglio a un professionista o specialista prima di effettuare, o meno, scelte sulla scorta del contenuto di questa pubblicazione. Le informazioni qui fornite non costituiscono consulenza legale, fiscale o suggerimento professionale alcuno da parte di TransferWise o affiliati. I risultati ottenuti in precedenza non garantiscono un esito simile. Non rilasciamo espressamente o implicitamente alcuna garanzia o dichiarazione circa la accuratezza, completezza o affidabilità del contenuto di questa pubblicazione.

TransferWise è il nuovo modo intelligente per inviare denaro all'estero.

Scopri di più

Suggerimenti, notizie e aggiornamenti per la tua posizione